Prosciugamento della Canaletta del Prato della Valle e riemersione del teatro romano

Prosciugamento della Canaletta del Prato della Valle e riemersione del teatro romano 

 

In occasione del bimillenario della morte dello storico Tito Livio e delle azioni messe in essere dalle Istituzioni cittadine per celebrare la ricorrenza, un appuntamento importante attende nei prossimi tempi la nostra città.

Dall’inizio del mese di luglio – e non dal 5 giugno come in precedenza comunicato – inizieranno le operazioni per la riemersione del teatro romano, il cosiddetto Zairo, le cui strutture superstiti si trovano oggi sotto l’acqua della canaletta che circonda l’Isola Memmia.

Il teatro è datato all’età augustea, ma la sua riemersione offrirà agli studiosi l’occasione di avviare studi e analisi funzionali a una migliore comprensione della struttura.

Dell’antico teatro, infatti, si ignorano ancora oggi molti aspetti. Era un edificio imponente fino all’XI secolo, nonostante le distruzioni subite dalla città a partire dalla tarda antichità. Da allora venne smantellato e utilizzato come cava di materiale da costruzione. Alcuni pezzi servirono addirittura per costruire il ponte di Rialto a Venezia .

Nel 1775, in occasione della realizzazione del progetto di Andrea Memmo per la risistemazione del Prato della Valle, delle strutture superstiti venne fatto un rilievo. Farle riemergere permetterà di rilevarle con tecniche aggiornate, di georeferenziarle e di prelevare campioni di materiali costruttivi con i quali sarà possibile procedere ad analisi di dettaglio sulle cave di provenienza. Inoltre, grazie alle analisi al radiocarbonio sulle malte e sui sedimenti, si potrà definire più esattamente il periodo in cui venne edificato.

L’operazione vedrà agire in sinergia il Comune di Padova (Settore Edilizia Pubblica e Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche), l’Università di Padova (Dipartimento di Beni Culturali) e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le Province di Belluno, Padova e Treviso.

A partire dal 3 luglio il Settore Edilizia, con la direzione tecnica dell’arch. Domenico Lo Bosco e dell’arch. Fabio Fiocco, provvederà alle operazioni preliminari, ovvero all’abbassamento temporaneo del livello dell’acqua dell’intera canaletta, al posizionamento di strutture di contenimento dell’acqua a monte e a valle delle strutture romane e alla successiva reimmissione dell’acqua nella canaletta. A quel punto resterà all’asciutto solo la parte interessata dalle indagini archeologiche. La fauna ittica sarà totalmente salvaguardata.

A partire dal 10 luglio, sotto la direzione scientifica congiunta del prof. Jacopo Bonetto (Dipartimento di Beni Culturali), della dott.ssa Elena Pettenò (Soprintendenza) e dalla dott.ssa Francesca Veronese (Musei Civici – Museo Archeologico), la squadra degli studenti universitari di archeologia inizierà i lavori sulle strutture del teatro, che proseguiranno per quattro settimane fino al 5 agosto.

 

L’operazione ha importanti finalità scientifiche, ma vuole essere una grande occasione per far conoscere alla cittadinanza aspetti inediti della città. Pertanto il cantiere è aperto gratuitamente al pubblico per delle visite con i seguenti orari:

 

Dall’8 luglio
Visita guidata allo scavo
ogni sabato, ritrovo ore 10.00 e 11.00 davanti al civico 51, Prato della Valle

 

Dal 10 luglio al 4 agosto
Visite al cantiere
dal lunedì al venerdì, ore 9.00-12.00 e 15.00-17.30

Le visite sono gratuite e non necessitano di prenotazione

 

Tutta l’operazione è resa possibile grazie al contributo della Fondazione CARIPARO per le celebrazioni del bimillenario liviano.

 

 

Per info

Segreteria Centro Interdipartimentale di Ricerca “Studi Liviani”
centro.studiliviani@unipd.it

 

Segreteria Museo Archeologico
049/8204572
museo.archeologico@comune.padova.it

 

padovacultura
www.livio2017.it

 

Condividi